#INTERVIEW | Come fare comunicazione di qualità

Bene, inauguriamo oggi un nuovo inizio: nasce così una nuova collaborazione tra il nostro Magazine e il team Question Mark Communication, agenzia di comunicazione integrata napoletana. Dai prossimi giorni, i contenuti di AWSM si arricchiranno del prezioso contributo degli editor di Question Mark con due inserti settimanali dedicati, nelle rubriche Communication e Design.

Question Mark Communication è un progetto nato nel 2006, inizialmente concepita come agenzia di eventi, si è ben presto distinta nel suo settore fino a diventare un punto di riferimento nel mezzogiorno e non solo. Per l’occasione abbiamo incontrato il Direttore Creativo, Andrea Giordano, e abbiamo scambiato quattro chiacchiere per fare insieme il punto sulle nuove frontiere della comunicazione digitale e sui trend del momento.

Ciao Andrea, benvenuto su AWSMMag, siamo lieti di averti come Partner.

Piacere tutto mio, AWSM.IT rappresenta un progetto editoriale che conosco da tempo e ho sempre apprezzato.

Partiamo subito: quali sono oggi, secondo te, le caratteristiche imprescindibili per fare della comunicazione di qualità?

Oggi la comunicazione è sempre più cross device, gli utenti interagiscono con più dispositivi, in base alle esigenze del momento, ma sempre più spesso li utilizzano contemporaneamente. Le connessioni mobile ormai hanno preso il sopravvento su quelle da desktop.

“Back to the future” è il tormentone di questi giorni, quale futuro per il nostro settore?

L’Internet delle cose rappresenta una realtà in forte crescita e cambierà radicalmente le nostre abitudini. Oggetti domestici, automobili e persino le macchine del caffè nei bar saranno controllate attraverso dispositivi mobile. Ogni servizio annesso sarà pertanto altamente personalizzabile e fruibile ovunque, in qualsiasi momento.

Voi siete un’agenzia di comunicazione integrata, come è cambiato il modo di concepire e fare pubblicità?

Gli utenti ormai possono essere raggiunti attraverso un messaggio in qualsiasi momento della giornata. La comunicazione digitale deve quindi essere necessariamente responsive, in grado cioè di adattarsi a qualsiasi tipo di dispositivo utilizzato dal pubblico obiettivo. Obiettivo principale per qualsiasi azienda deve essere quello di creare engagement, un forte rapporto tra cliente e il brand. I consumatori devono sentire il bisogno di essere sempre informati su ciò che accade nel mondo del prodotto/servizio preferito ed esserne protagonisti.

Come può un’agenzia di comunicazione essere in grado di percepire i nuovi bisogni dei consumatori?

È di fondamentale importanza monitorare i trend del momento e cogliere i segnali di quelli futuri. Proprio per questo motivo utilizziamo diversi tool che ci forniscono una panoramica chiara su quelli che sono le tendenze del momento e importanti indicazioni su quelle che verranno. La creatività è un elemento imprescindibile nel mondo della comunicazione, ma gli strumenti analitici hanno una valenza strategica altrettanto valida.

E l’innovazione tecnologica quanto ha semplificato il lavoro dei designer?

In realtà oggi il lavoro del designer è diventato molto più duro! Bisogna osare per innovare, ma tenendo sempre in considerazione l’usability. La sovraesposizione da immagini a cui siamo sottoposti e la fluidità e velocità dei contenuti, ci impongono da un lato uno sforzo maggiore in termini di creatività e originalità e dall’altro una grande elasticità per essere sempre sul pezzo.

Grazie Andrea, che il matrimonio Question Mark – AWSMMag abbia inizio: benvenuti a bordo!

 

 

 

 

 

 

Tremendamente curioso e goloso, rompipalle al punto giusto, adoro leggere gialli e romanzi storici. Football e internet addicted. Nutro un profondo amore per la Spagna dove ho vissuto un anno grazie al progetto Erasmus, ma il primo amore resta la mia Napoli. Laureato in “Comunicazione pubblica e d’impresa”, ho fondato e gestisco lo spazio web add-communication.com