Life Swaps by Timberland | Claudia Zalla in Berlin


Ricordate il progetto #lifeswaps firmato Timberland? 4 protagonisti che, scambiandosi le identità, avranno una lista di cose da fare per 3 giorni in giro uno nella città dell’altro, in alcune tra le più belle città d’Europa. Milano, Barcellona, Londra, Berlino, se volete rinfrescarvi la memoria leggete un po’ QUI, con un piccolo passo indietro, sarà tutto più chiaro.

Bene, oggi vogliamo raccontarvi di Claudia, fotografa freelance di 29 anni, con sede a Milano. Lavora prevalentemente nel campo della moda e del food, collaborando con noti marchi e riviste e parallelamente porta avanti una propria ricerca personale focalizzata sul reportage e lo storytelling. Claudia è partita dalla sua Milano per raggiungere Berlino, pronta a “scambiarsi la vita” con Willy Iffland – tra i leader della nuova guerrilla musicale berlinese, oltre che blogger superstar – e diventare una vera berlinese doc per un intero weekend. Nell’accogliente dimora di Willy, ha trovato, ovviamente, molti vinili e, immancabile, la lista #inmyelement: piani, luoghi e persone che fanno di quella città la “sua” Berlino.

A zonzo tra antichi complessi industriali, mercatini dell’usato, ristoranti e party in suo onore, Claudia ha immortalato con la sua inseparabile Leica, i tratti più belli della città più cool d’Europa. Ma non vogliamo aggiungere di più, ecco i video della sua fantastica esperienza Life Swaps con Timberland. Chi non avrebbe voluto per un attimo essere al suo posto?

 

 

Website: lifeswaps.timberland.com
> Facebook
> Twitter
> Instagram
> Hashtag: #inmyelement + #lifeswap

 

 

 

 

"Tuttologa” multitasking col naso all'insù, devo sempre aggiungere la mia. Foodie, geek, traveller per passione. Project Manager & Social Media Consultant based in Rome, ArtAttacker @ artattack.nativeadv.it. Attenta alle novità del mondo del digital, del design e della moda applicati ai più svariati settori: dall’architettura, agli eventi, all'arte, al food. Io? Una storyteller girovaga con le gambe sotto il tavolo, sì, quello di un buon ristorante!