SIAL 2014 | A PARIGI IL SALONE INTERNAZIONALE DELL’ALIMENTAZIONE

È partito domenica 19 e durerà fino al 23 ottobre a Parigi l’evento SIAL 2014 Salon International de l’Alimentation – giunto al suo 50° anniversario.

Un anno speciale, che vedrà una partecipazione record di circa 6.000 espositori e più di 150.000 visitatori provenienti da 200 paesi.

SIAL è da sempre sinonimo di novità in campo #food: di fronte all’accelerazione dei bisogni dei consumatori, infatti, l’innovazione si impone più che mai come elemento irrinunciabile e strategico, unica via per consolidare e sviluppare la competitività delle aziende di settore in tutto il mondo.

Come sempre, quest’occasione si conferma luogo ideale per cogliere i nuovi trend di mercato. Basti pensare che il 78% degli espositori dichiara di presentare a Parigi nuovi prodotti e il 71% dei visitatori vi partecipa con l’obiettivo di scoprire tendenze, novità e incontrare nuovi potenziali fornitori.

Per operatori della ristorazione e cuochi si tratta di un momento unico di aggiornamento sulla scena enogastronomica mondiale, per ispirarsi sull’uso di nuove materie prime e ingredienti ed entrare in contatto con il mercato. Per i commercianti invece il SIAL si prefigura come un’ottima opportunità per essere sul pezzo sullo sviluppo e le prospettive della distribuzione, all’ingrosso o retail, mentre per il consumatore, è una interessante finestra sul mondo dell’alimentazione consapevole.

Export Area Manager per una multinazionale settore food and beverages (azz) … smazzo cibo Made in Italy nel mondo; nella vita reale invece sono speaker e autore di programmi radiofonici in giro per varie radio – attualmente On Air assieme a Stefano Calvanese ogni Sabato pomeriggio dalle 16 alle 19 su Radio Primarete con EXTRA. Membro della Crew "Blood & Soul" di produzione e promozione musicale... Curioso, logorroico, insonne e a tratti saputello, ho fatto il pilota di aerei, sogno di acquistare una casa sulla Great Ocean Road, appassionato di musica funk/soul/hip hop ed elettronica. Disegno tanto, scrivo e lavoro di notte… La notte è un privilegio per chi la vive e può far girare i propri pensieri più intimi mentre gli altri dormono.