Submarine Cable Map 2014

Se ripenso alle ore passate tra i banchi di scuola con la testa fra le nuvole mi vengono in mente quei mille piccoli viaggi che facevo ogni volta che smettevo di ascoltare e cominciavo a volare con la fantasia, ogni volta che il mio sguardo si poggiava sulla cartina geografica del mondo, dell’Africa o dell’Europa alle spalle del professore. Era come se su quelle terre ci stessi camminando non con gli occhi ma con i piedi e così passavano veloci le noiose ore. Cominciarono a piacermi un sacco le cartine, avevano quei quattro colori base, spenti e quelle scritte in azzurro scuro che segnavano luoghi che difficilmente riuscivo a pronunciare. Cominciava a nascere in me l’amore per la grafica.

Quello di cui vi parlo oggi è un sottotipo di grafica molto caro a gente come me, cresciuto tra i banchi e le cartine. L’infografica.

L’infografica si potrebbe dire che negli ultimi tempi sta diventando un vero e proprio cosmo a se stante. L’infografica deve la sua fortuna ai progressi mossi dalla grafica pubblicitaria senza la quale ci sarebbero solo nomi, numeri e percentuali. I primi ad apparire sono stati i grafici a torta, piano piano il mondo di internet ha cominciato a somministrarci tutto sotto forma di infografica, partendo da quanti ragni mangiamo per sbaglio ogni anno fino ad arrivare allo studio sulla diffusione di fumatori in Indocina passando per studi infografici sul ciclo completo dell’acqua nel mondo.

Quello che ho stanato in rete poco fa è qualcosa che accomuna un pò tutte queste caratteristiche.
Qualcosa che per gli amanti del genere è quanto di più vicino all’estasi. TeleGeography è un sito che punta a rendere i dati in maniera più bella possibile, facendosi fautore della diffusione della bellezza e utilità dell’infografia. Quello che mi ha sconvolto è stato vedere la mappa mondiale delle fibre ottiche di internet diffuse sotto i mari e che attraversano i continenti permettendo a qualcuno in Tennessee o in Giappone di leggere l’articolo che sto scrivendo io dalla stazione di servizio di San Nicola Ovest.

Non ci sono parole per spiegare la bellezza e la complessità di questa mappa che ti fa cambiare veramente idea sulla consistenza di internet e sul concetto di etereo che ultimamente parole come Cloud e Air stanno spingendo tanto e ti riporta alla cara vecchia concezione di un internet sporco, rumoroso fatto di cavi e fisicità. Quindi, quello che ti resta da fare è cliccare e capire da te.

submarine-cable-map-2014.telegeography.com

Fotografia, documentari sulla fauna della savana, astrologia e la lettera H sono le cose che scriverei in una lista di cose preferite. Scrivo per Awsm a singhiozzo da un po' di anni; prima di libri, poi di fotografia, poi di bici. Studio giornalismo e mi piace credermi un fotoreporter in rodaggio. Curo una rubrica di tecnologia e precisamente ora sto scrivendo la mia bio in poche righe. E tu la stai leggendo.