Il progetto DevArt: dove l’arte incontra il codice

Google lancia DevArt, un progetto dedicato all’incontro simbiotico tra l’ arte e il mondo della tecnologia. Un luogo dove per la prima volta il codice è il vero protagonista, e lo spazio diventa pura sperimentazione di design, estetica e iterazione digitale.

È il concetto “dell’arte fatta con il codice”, che Google ha sintetizzato in un contest aperto a tutti gli sviluppatori e programmatori sparsi per il globo. L’incipit, è quello di stupire e sperimentare: varcare la soglia dei confini teoretici e dimostrare come la rivoluzione digitale permei il tessuto sociale in ogni suo aspetto e trama.

Si tratta di un progetto dalla grande valenza sociale, ed è per questo che la partnership fra Google e Barbican vuole servire da contenitore creativo: questa prossima estate infatti, le migliori opere presentate verranno inserite in una galleria interattiva direttamente nel progetto Digital Revolution, commissionato proprio da Google e dai migliori artisti digitali presenti sulla scena.

Il contest si chiuderà il 28 Marzo.

Sito Ufficialehttps://devart.withgoogle.com/

AWSMmag è il magazine online che propone quotidianamente il meglio del global lifestyle contemporaneo, spaziando tra cultura pop, comunicazione digitale, moda, arte, design, fotografia, musica e cinema. Un daily mag dal tono veloce e piacevole, luogo d’incontro ideale e di tendenza della vita quotidiana in cui confrontarsi e informarsi. Dedicato agli addetti ai lavori, ma anche ai semplici appassionati.

  • Haruhi

    Vorrei sottolineare nel regolamento di Google questa cosa:

    NO PURCHASE NECESSARY TO ENTER OR WIN. VOID WHERE PROHIBITED. CONTEST IS OPEN TO RESIDENTS OF THE 50 UNITED STATES, THE DISTRICT OF COLUMBIA, AND WORLDWIDE (EXCEPT FOR ITALY, QUEBEC, CUBA, IRAN, SYRIA, NORTH KOREA, and SUDAN).

  • http://www.lucagrandicelli.com/ Luca Grandicelli

    Grazie per averlo segnalato. Ci era sfuggita l’Italia, in quella lista. Purtroppo è un vero peccato e non vorrei che dietro ci sia una precisa volontà di escludere il nostro Paese, in merito alle recenti questioni fiscali. 🙁