#Photography | Trent Parke – Minutes to midnight

Attualmente il primo insegnamento impartito in accademie e studi fotografici è l’uso corretto della luce, la giusta esposizione, il giusto bilanciamento tra luci e ombre. Regole utili, ma che tuttavia non necessariamente contribuiscono alla riuscita di un progetto. Nel mondo della fotografia, infatti, è possibile individuare una cerchia di artisti che vengono sedotti dalle infinite possibilità espressive dell’“errore”, attraverso l’uso distorto e inusuale delle ombre, dei riflessi, del mosso, dello sfuocato, rendendo ciò la chiave indissolubile del proprio successo, realizzando opere di forte impatto e indubbia intensità.

E’ inevitabile, dunque, citare Trent Parke, nato in Australia nel 1971, reporter per l’agenzia Magnum, artista che ha rivoluzionato gli schemi classici della fotografia, facendo dell’errore fotografico un pilastro dei suoi progetti più autorevoli ed apprezzati come Minutes to midnight.

Per la serie: l’emozione corregge la regola.

Studentessa di visual communication all’istituto europeo di design di Roma. Affascinata dalle mille sfumature del bianco e nero e dai mille sguardi che la fotografia offre.